Terapie

Parodontologia:

rimane il fondamento di una odontoiatria minimamente invasiva ovvero l’odontoiatria del futuro atta a salvaguardare lo stato di salute della bocca con il minimo intervento. La salute delle gengive è alla base di ogni altra cura e la dentatura naturale rimane il patrimonio più grande da salvaguardare.

La visita parodontale rappresenta l’atto diagnostico principe per quantificare il grado di malattia del parodonto e per poter sviluppare un piano di trattamento dettagliato che sia di riferimento per il medico, per portare avanti una cura con un progetto chiaro e completo, e per il paziente che in questo modo puo’ avere una visione d’insieme delle problematiche della propria bocca.

Visita parodontale → progetto completo→ idee chiare→ cura step by step→ soluzione dei problemi→ raggiungimento della salute completa della bocca

La mancanza di un progetto completo iniziale porta a idee parziali → cure a spot: se non si ha una visione d’insieme vengono eseguite delle cure sui singoli denti ottenendo soluzioni parziali ai problemi(è importante avere invece un filo conduttore) → rischio di non vedere alcuni problemi → salute parziale e non duratura della bocca.

Chirurgia rigenerativa

Il dott. Sesia conosce e applica tecniche chirurgiche atte sia a ricostruire porzioni di osso mancanti (utilizzando sia osso autologo che eterologo) che di gengiva (innesti connettivali e muco-gengivali tramite prelievo dal palato).

Implantologia

Gli impianti sono ormai uno straordinario e sicuro strumento utilizzato dal dentista per ricreare “denti e radici artificiali” là dove mancano completamente. Utilizziamo impianti di ottima qualità che vengono prodotti da aziende sempre impegnate in ricerca ed innovazione (Jdentalcare). Prima del posizionamento degli impianti il dott. Sesia richiede sempre la TAC (da farsi con mascherina radiologica) poiché utilizza la tecnica dell’implatologia protesicamente guidata, ovvero: la posizione dell’impianto viene decisa a priori dove nascerà il nuovo dente/corona e non a caso dove c’è osso.

In questo modo l’impianto puo’ lavorare meglio, in sicurezza e senza forzature e tutto ciò permette di prolungarne la durata nel tempo.

Protesi fissa

Anche nel ricoprire i denti con le corone protesiche (denti finti o capsule) ci preoccupiamo sempre di avere gengive sane per una maggiore durata delle stesse e per una migliore estetica. L’estetica in protesi fissa e per tutti i pazienti,è sempre più importante e richiesta.

Per questo motivo usiamo materiali sempre più moderni ed estetici rispetto alla classica corona metallo-ceramica, ad esempio, zirconia e ceramica al di silicato di litio. Tutti materiali bianchi, estetici, sicuri e resistenti.

Il futuro dell’odontoiatria sarà sempre più rivolto alle faccette, dei manufatti protesici che richiedono dei ritocchi minimi del tessuto dentale, non si rendono necessarie le devitalizzioni dei denti e che permettono, rivestendo semplicemente il dente, di ottenere dei denti perfetti, luminosi, senza difetti e protetti.

Ortodonzia

La dott.ssa Guerrasio nelle terapie fisse utilizza attacchi della tecnica Damon (tecnica a bassa frizione che consente di realizzare movimenti dentari più rapidi nel rispetto del parodonto e utilizzando forze che non superano la tolleranza muscolare) mentre nella terapia ortodontica mobile utilizza le mascherine Invisalign (sistematica americana con massima estetica).

Endodonzia

In questo fase della cura ci avvaliamo della preziosa collaborazione di uno specialista: il dott. De Mattia Maurizio. L’ endodonzia  è quella branca dell’odontoiatria che si occupa della devitalizzazione dei denti.  Si divide in tre fasi: rimozione meccanica del nervo dal dente, detersione  e disinfezione dei canali endodontici e chiusura degli stessi con materiali appositi (guttaperca e cemento endodontico.
Utilizziamo un rilevatore d’apice, ovvero un ‘piccolo computer’ che legge da solo la lunghezza delle radici aiutando il dentista a compiere una sigillatura canalare precisa.
Per pulire i canali (detersione e alesatura canalare) usiamo degli strumenti  in nichel-titanio (marca MTwo) che favoriscono  il lavoro del dentista, riducendo di molto il rischio di frattura degli stessi all’interno dei canali. Inoltre usiamo un motore dedicato che serve ad applicare la forza di rotazione giusta agli strumenti, sempre per ridurne  il rischio di frattura (i classici strumenti di acciaio usati a mano presentano un certo rischio di frattura soprattutto nei canali curvi).

Ricostruzioni dei denti devitalizzati

Il dente appena devitalizzato manca di una struttura interna di sostegno, ovvero è come una scatola vuota  quindi facile alla frattura e di conseguenza va ricostruito. Usiamo, a tale scopo, un materiale composito fluido iniettato all’interno del dente e rinforzato da uno o più perni in fibra di carbonio 8° di vetro), tutto ciò  ha innumerevoli vantaggi:
1) aderisce bene al materiale di ricostruzione minimizzando rischio distacco
2) favorisce la ritenzione della ricostruzione perché “pesca” nel canale di una radice
3) non sollecita le pareti canalari: le vecchie viti con filettatura, che si usavano una volta, esercitavano una importante forza dirompente sulle pareti delle radici in fase di masticazione rischiando così la frattura della radice stessa. Le fibre di carbonio sono molto più leggere, elastiche e flessibili (faccio sempre l’esempio della canna da pesca!).
4) nel caso sia necessario eseguire dei ritrattamenti canalari (insuccesso nella devitalizzazione e quindi necessità di poter accedere nuovamente ai canali) si può rientrare nella radice trapanando il perno in fibra senza grosse difficoltà mentre, nel caso dei perni metallici, spesso è estremamente difficile e rischioso, pena la frattura della radice stessa.
5) il perno in fibra, se di vetro, possiede una ottima estetica (non si vede!)

Casi clinici

RIABILITAZIONUE CON LE FACCETTE Classico caso di riabilitazione con faccette in ceramica integrale per migliorare completamente il sorriso in pochi passaggi. CASO DI IMPLANTOLOGIA ESTETICA Caso di implantologia estetica con rigenerazione ossea e gengivale dopo TERAPIA ortodontica              

View page »